Bandi Nazionali Attivi

Rilancio dell'area di crisi industriale di Taranto

area di crisi tarantoCome mai da Ministero dello Sviluppo Economico, Regione Puglia e provincia di Taranto si è deciso di promuovere questi cambiamenti? Perchè il settore siderurgico ha fortemente caratterizzato il tessuto produttivo dell’area di Taranto e da un pò di anni che il comparto sta attravesando una durissima e violenta crisi, con le connesse criticità ambientali, influendo negativamente sulla sostenibilità di questo modello di sviluppo. Il Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale (PRRI) dell’area è stato finalizzato esclusivamente alla promozione degli interventi di sviluppo imprenditoriale, ponendo come obiettivi prioritari:

  • il rafforzamento del tessuto produttivo esistente tramite riqualificazione delle produzioni
  • l’attrazione di nuovi investimenti  finalizzati alla diversificazione produttiva e alla valorizzazione del patrimonio immobiliare non utilizzato dell’ASI e dell’Autorità Portuale il potenziamento della logistica connessa alle attività portuali.

L’Accordo di Programma del 26 aprile 2018 ha formalizzato l’impegno del Ministero dello Sviluppo Economico, dell’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro (ANPAL), del Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare, del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, della Regione Puglia, della Provincia di Taranto, del Comune di Taranto e dell’Autorità di sistema portuale del Mar Ionio all'attuazione del PRRI.

I comuni interessati da questo strumento sono 5: Crispiano, Massafra, Montemesola, Statte e Taranto.

Tutte le imprese di qualsiasi dimensione che decidono di promuovere un nuovo investimento in questi comuni beneficiano anche di una inea diretta di collaborazione con la Regione Puglia e la Provincia di Taranto, al fine di definire la migliore offerta localizzativa, tramite la semplificazione o accelerazione dei percorsi necessari all'insediamento delle imprese.

 Questo progetto prevedere ed individua la seguente offferta localizzativa composta da:

  • incentivi per gli investimenti
  • politiche del lavoro
  • spazi localizzativi
  • servizi di informazione

Il Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale (PRRI) dell'area di crisi di Taranto individua diversi incentivi a sostegno degli investimenti produttivi e della ricerca. Sono disponibili complessivamente 30 milioni di eurostanziati dal Ministero dello Sviluppo Economico a valere sulla Legge 181/89 - promuove programmi di investimento (newco ed ampliamenti), di importo uguale o superiore a 2 milioni di euro, finalizzati alla creazione di nuovi posti di lavoro. A sostegno del sistema imprenditoriale sono inoltre attivi i seguenti strumenti agevolativi:

Agevolazioni nazionali

  • Contratti di sviluppo
  • Resto al Sud 
  • Smart&Start Italia 
  • Nuove imprese a tasso zero 
  • Selfiemployment 
  • Industria 4.0
  • Fondo di garanzia per le PMI
  • Nuova Sabatini
  • Nuova Marcora
  • Accordi per l’innovazione

Agevolazioni regionali

  • Contratti di Programma
  • Programmi Integrati di Agevolazione (Medie Imprese)
  • Programmi Integrati di Agevolazione (Piccole  Imprese)
  • Programmi Integrati di Agevolazione (Turismo)
  • Aiuti agli investimenti iniziali alle micro, piccole e medie
  • Microprestito d’impresa
  • Nidi – Nuove Iniziative d’impresa
  • Tecnonidi – Nuove Iniziative d’impresa

Le agevolazioni sono costituite da finanziamenti a tasso agevolato e contributi a fondo perduto.


 

Per maggiori dettagli dovete contattare l'ing. Andrea Mingolla per avviare la fase di verifica dei requisiti del progetto imprenditoriale che avete intenzione di promuovere nell'area di crisi. 

finanziamenti puglia contattaci


 

Finanziamenti Puglia - Consulenza GRATUITA - Bandi - Finanza Ordinaria - Finanza Agevolata - Reti d'Impresa - Formazione Aziendale - Mob. +39 3409701477
Webmaster: FlavioDIpi&Sperti
Privacy Policy Cookie Policy