Bandi Nazionali Attivi

Bando Macchinari Innovativi 2020

Cos’è

Il nuovo bando Macchinari Innovativi sostiene la realizzazione, nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, di programmi di investimento innovativi diretti a consentire la trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa ovvero a favorire la transizione del settore manifatturiero verso il paradigma dell’economia circolare.

Gli investimenti innovativi realizzati devono essere in grado di aumentare il livello di efficienza e di flessibilità dell’impresa nello svolgimento dell’attività economica, mediante l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature strettamente funzionali alla realizzazione dei programmi di investimento, nonché programmi informatici e licenze correlati all’utilizzo dei predetti beni materiali.

A chi si rivolge

Possono beneficiare dell’agevolazione le micro, piccole e medie imprese (PMI) che alla data di presentazione della domanda:

  • sono regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle imprese, sono nel pieno e libero esercizio dei propri diritti e non sono in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali;
  • sono in regime di contabilità ordinaria e dispongono di almeno due bilanci approvati e depositati presso il Registro delle imprese, ovvero hanno presentato, nel caso di imprese individuali e società di persone, almeno due dichiarazioni dei redditi;
  • ALTRI REQUISITI CHE VERIFICHEREMO NOI PER TE.

Possono presentare domanda anche soggetti che realizzano programmi di investimento caratterizzati da comuni obiettivi di sviluppo, fino a un massimo di sei soggetti co-proponenti, in possesso dei requisiti previsti dalla normativa che aderiscono ad un contratto di rete a condizione che tale contratto configuri una collaborazione effettiva, stabile e coerente con gli obiettivi di rafforzamento della competitività e di sviluppo tecnologico connessi alla realizzazione dei programmi proposti.

Attività economiche ammesse

Sono ammesse le attività manifatturiere, ad eccezione delle attività connesse ai seguenti settori:

  • siderurgia;
  • estrazione del carbone;
  • costruzione navale;
  • fabbricazione delle fibre sintetiche;
  • trasporti e relative infrastrutture;
  • produzione e distribuzione di energia, nonché delle relative infrastrutture.

Sono inoltre ammesse le attività di servizi alle imprese ELENCATE DI SEGUITO.

37.00.0 Raccolta e depurazione delle acque di scarico Limitatamente al trattamento delle acque reflue di origine industriale tramite processi fisici, chimici e biologici come diluizione, screening, filtraggio, sedimentazione, ecc. 38.1 Raccolta dei rifiuti Limitatamente a quelli di origine industriale e commerciale. 38.2 Trattamento e smaltimento dei rifiuti Limitatamente a quelli di origine industriale e commerciale. 38.3 Recupero dei materiali Limitatamente a quelli di origine industriale e commerciale. 52 Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti, con esclusione dei mezzi di trasporto Intera divisione. ATECO 53 Servizi postali e attività di corriere Intera divisione. ATECO 6.29 Mense e catering continuativo su base contrattuale 58.12 Pubblicazione di elenchi e mailing list 58.2 Edizioni di software 61 Telecomunicazioni Intera divisione ATECO 62 Produzione di software, consulenza informatica e attività connesse Intera divisione ATECO 63.1 Elaborazione dei dati, hosting e attività connesse; portali web 69 Attività legali e contabilità Intera divisione ATECO 70 Attività di direzione aziendale e di consulenza gestionale Intera divisione ATECO 71 Attività degli studi di architettura e d’ingegneria; collaudi ed analisi tecniche Intera divisione ATECO 72 Ricerca scientifica e sviluppo Intera divisione ATECO 73 Pubblicità e ricerche di mercato Intera divisione ATECO 74 Altre attività professionali, scientifiche e tecniche Intera divisione ATECO 82.20 Attività dei call center 82.92 Attività di imballaggio e confezionamento per conto terzi 95.1 Riparazione e manutenzione di computer e periferiche. 96.01.01 Attività delle lavanderie industriali

Cosa finanzia

I programmi di investimento ammissibili devono:

  • prevedere spese non inferiori a euro 400.000,00 e non superiori a euro 3.000.000,00. Nel caso di programmi presentati da reti d’impresa, la soglia minima può essere raggiunta mediante la sommatoria delle spese connesse ai singoli programmi di investimento proposti dai soggetti aderenti alla rete, a condizione che ciascun programma preveda comunque spese ammissibili non inferiori a euro 200.000,00;
  • essere realizzati esclusivamente presso unità produttive localizzate nei territori delle Regioni meno sviluppate;
  • prevedere l’acquisizione di tecnologie abilitanti atte a consentire la trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa e/o di soluzioni tecnologiche in grado di rendere il processo produttivo più sostenibile e circolare.

I beni oggetto del programma di investimento devono essere nuovi e riferiti alle immobilizzazioni materiali e immateriali, che riguardano macchinari, impianti e attrezzature strettamente funzionali alla realizzazione dei programmi di investimento, nonché programmi informatici e licenze correlati all’utilizzo dei predetti beni materiali. 

Le agevolazioni

Le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo a fondo perduto e del finanziamento agevolato, per una percentuale nominale calcolata rispetto alle spese ammissibili pari al 75 %. Il mix di agevolazioni è articolato in relazione alla dimensione dell’impresa come segue:

  • per le imprese di micro e piccola dimensione, un contributo in conto impianti pari al 35% e un finanziamento agevolato pari al 40%;
  • per le imprese di media dimensione, un contributo in conto impianti pari al 25% e un finanziamento agevolato pari al 50%.

Termini e modalità di presentazione delle istanze nell’ambito del primo sportello. L’iter di presentazione della domanda di accesso alle agevolazioni è articolato nelle seguenti fasi:

  1. compilazione della domanda, a partire dalle ore 10.00 del 23 luglio 2020;
  2. invio della domanda di accesso alle agevolazioni, a partire dalle ore 10.00 del 30 luglio 2020

 


SE devi effettuare nuovi investimenti innovativi, la nostra consulenza sarà finalizzata a portare la TUA IMPRESA ad ottenere le agevolazioni usperando ogni problema burocratico/amministrativo/tecnico.

PER richeidere la consulenza inviaci una mail attraverso il form: http://www.finanziamenti.puglia.it/finanziamenti/contattaci

Finanziamenti Puglia - Consulenza GRATUITA - Bandi - Finanza Ordinaria - Finanza Agevolata - Reti d'Impresa - Formazione Aziendale - Mob. +39 3409701477
Webmaster: FlavioDIpi&Sperti
Privacy Policy Cookie Policy