Sostegno ad investimenti nelle aziende agricole

psr 2014-2020 regione puglia

MISURA 4 – INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

Sottomisura 4.1 – Sostegno ad investimenti nelle aziende agricole.

ATTENZIONE: questo documento è solamente una breve descrizione dell'aviso. Con successivo provvedimento dell’AdG Puglia 2014-2020 saranno stabiliti i termini, iniziale e finale, di operatività del portale regionale per la compilazione on-line e l’invio telematico del Piano Aziendale ed ulteriore documentazione.

PRINCIPALI DEFINIZIONI

Progetto collettivo: progetto in cui i beneficiari sono Associazioni di Agricoltori che realizzano investimenti interaziendali, materiali e immateriali, in forma collettiva finalizzati a migliorare la redditività, la competitività e la sostenibilità delle singole aziende agricole.

Progetto in Filiera Corta aziendale: progetto in cui il beneficiario realizza investimenti per la lavorazione/trasformazione delle produzioni aziendali. In questo caso i prodotti oggetto di lavorazione/trasformazione devono provenire almeno per i 2/3 dall’azienda.

SOGGETTI BENEFICIARI

Imprenditore Agricolo singolo (persona fisica o giuridica): Ditta individuale, Società di Persone, Società di Capitali, Cooperative agricole di conduzione, titolare/conduttore di un’azienda agricola.

Associazioni di agricoltori

  • le Organizzazioni di Produttori riconosciute ai sensi della normativa unionale, nazionale e regionale;
  • Cooperative agricole;
  • le reti di imprese o altre forme associate consentite dalle normative vigenti, dotate di personalità giuridica.

CONDIZIONI DI AMMISSIBILITA'

Imprenditore Agricolo Singolo

Alla data di presentazione della DdS e per l’intera durata dell'operazione:

  • Agricoltore in attività, Iscrizione CCIAA, nel Registro delle Imprese agricole, come impresa attiva;
  • Iscrizione all'INPS (quale Coltivatore Diretto o IAP o impresa agricola assuntrice di manodopera agricola);
  • Regolarità contributiva (DURC);
  • Non essere impresa in difficoltà;
  • PS > 15.000,00 Euro, Assenza di reati gravi;
  • Certificazione Antimafia non interdittiva per aiuto pubblico superiore a 150.000 Euro;

Associazione di Agricoltori

I requisiti di cui sopra, devono essere posseduti da ciascuna Impresa Agricola associata. Inoltre alla data di presentazione della DdS:

  • Essere costituita nelle forme giuridiche di cui sopra;
  • Aver costituito e/o aggiornato il Fascicolo Aziendale anche di semplice anagrafica; iscrizione CCIAA;
  • Regolarità contributiva (DURC) ove pertinente;
  • Approvazione del progetto da parte dell'organo deliberante – ove pertinente – con delega al Legale Rappresentante per la presentazione della DdS e per i successivi adempimenti.

Nel caso di Associazioni di non nuova costituzione devono essere individuate le imprese associate aderenti al Progetto Collettivo (Ragione Sociale e CUAA).

ULTERIORI CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ

  • la presentazione di un Piano Aziendale da redigere su specifico format;
  • nel caso il Piano Aziendale comprenda interventi relativi ad impianti di irrigazione, rispetto “Condizioni di ammissibilità” e in possesso di autorizzazione per emungimento dell’acqua;
  • per gli investimenti fissi se su superfici in proprietà in affitto con contratto con durata di almeno dieci anni post data di presentazione della DdS, autorizzazione scritta del proprietario ad eseguire gli interventi, a presentare DdS e a percepire i relativi aiuti;
  • per il comparto zootecnico dimostrazione che il fabbisogno alimentare annuo dell'allevamento, espresso in U.F., sia soddisfatto per almeno il 25% a livello aziendale;
  • per i soggetti ammessi all’istruttoria tecnico-amministrativa dimostrazione della sostenibilità finanziaria degli investimenti proposti ed il possesso dei titoli abilitativi, entro 180 giorni dalla pubblicazione del provvedimento di ammissione all’istruttoria tecnico-amministrativa, pena l’esclusione.

TIPOLOGIE DI INVESTIMENTO E COSTI AMMISSIBILI

  1. costruzione ex-novo e ammodernamento di fabbricati rurali da utilizzare a fini produttivi agricoli e zootecnici;
  2. acquisto o il leasing con patto di acquisto di macchinari nuovi e attrezzature, compresi i programmi informatici, fino al valore di mercato del bene (gli altri costi connessi al contratto di leasing, come il margine del concedente, i costi di rifinanziamento interessi, le spese generali del locatore e le spese di assicurazione, non sono ammissibili) che favoriscono:
  • il miglioramento dell’efficienza e/o la riduzione delle quantità nell’uso di fertilizzanti e/o fitofarmaci;
  • la produzione di energia da fonti rinnovabili ad esclusivo uso aziendale. Nel caso di impianti aziendali per la produzione di energia, la realizzazione degli stessi non deve causare riduzione di terreno coltivabile. Nel caso di produzione di energia da biomasse, sono ammissibili gli investimenti che utilizzano esclusivamente sottoprodotti dell’azienda o di altre aziende locali.
  • la riduzione del consumo energetico;
  • la razionalizzazione e la riduzione dei costi;
  • l’aumento della produttività;
  • strutture aziendali di stoccaggio biomasse;
  • investimenti per migliorare l’efficienza energetica degli edifici rurali produttivi agricoli;
  • impianti di colture arboree;
  • impianti, macchine e attrezzature innovativi che favoriscono il miglioramento dell’efficienza irrigua e l’ottimizzazione dell’uso della risorsa irrigua;
  • interventi relativi alla realizzazione di reti distributive che consentano un risparmio e un miglioramento dell’efficienza dei sistemi di distribuzione e alla realizzazione di invasi di raccolta di acqua piovana di dimensione inferiore ai 250.000 mc., al fine di incrementare la disponibilità di risorsa idrica nei periodi di scarsità e di maggior emungimento per ridurre la pressione sulle acque di falda;
  • acquisto terreni agricoli per un massimo del 10% della spesa totale ammissibile dell’operazione considerata;
  •  strutture di stoccaggio dei prodotti agricoli;
  • impianti, macchine e attrezzature innovativi per gli investimenti in filiera corta;
  • investimenti finalizzati al rispetto dei requisiti dell’Unione secondo quanto previsto all’art. 17 c. 6 del Reg. (UE) n. 1305/2013, ossia investimenti finalizzati al rispetto di requisiti di nuova introduzione, per un periodo massimo di 12 mesi dalla data in cui diventano obbligatori; 
  •  spese generali max 12% della spesa ammessa a finanziamento, quali: onorari di architetti, ingegneri e consulenti, compensi per consulenze in materia di sostenibilità ambientale ed economica, inclusi studi di fattibilitàe spese per le garanzie fidejussorie.

LIMITAZIONI E SPESE NON AMMISSIBILI

Per gli investimenti ricadenti all'interno di Siti di Importanza Comunitaria (SIC) o Siti di Importanza Regionale (SIR), l'ammissibilità degli investimenti è vincolata alla compatibilità con le Norme tecniche relative alle forme e alle modalità di tutela e conservazione dei siti di importanza regionale ed altra documentazione che sarà richiesta.

In linea generale non sono ammissibili agli aiuti le seguenti categorie di spese:

  • acquisto di piante annuali e loro messa a dimora;
  • acquisto di animali;
  • acquisto di diritti di produzione agricola e diritti all’aiuto;
  • acquisto di macchine o attrezzature usate;
  • realizzazione/ammodernamento fabbricati per uso abitativo ed acquisto dei relativi arredi;
  • acquisto di fabbricati rurali e manufatti di qualsiasi tipo; realizzazione di coperture con l’utilizzo di materie plastiche;
  • i beni non durevoli, quali ad esempio i materiali di consumo a ciclo breve;
  • interventi di mera sostituzione;
  • interventi sovvenzionati dal Reg. UE n.1308/2013;
  • investimenti effettuati allo scopo di ottemperare a requisiti resi obbligatori da specifiche norme comunitarie; IVA.

Non sono ammissibili le spese per le quali è stato effettuato pagamento in contanti.

TIPOLOGIA DI PROGETTO, VOLUME DI INVESTIMENTO AMMISSIBILE E ALIQUOTA DI AIUTO

E’ prevista la concessione di aiuto pubblico nelle forme di contributo in conto capitale, contributo in conto interesse o in forma mista (conto capitale + conto interesse).

  • AGRICOLTORE SINGOLO con tipo progetto Aziendale e investimento min 30.000,00 - max 3.000.000,00. Contributo: in zone svantaggiate 40% ed in altre zone 30%;
  • AGRICOLTORE SINGOLO CHE CONFERISCE AD ASSOCIAZIONI DI AGRICOLTORI  con tipo progetto Aziendale e investimento  Min. 30.000,00-Max 3.000.000,00. Contributo: in zone Svantaggiate 60% ed altre zone 50%;
  • ASSOCIAZIONI DI AGRICOLTORI con tipo di progetto collettivo interaziendale ed investimento Min. 100.000,00-Max 4.000.000,00. Contributo: in zone svantaggiate60% ed in altre zone 50%;
  • AGRICOLTORE SINGOLO Aziendale con interventi di filiera corta ed investimento min. 30.000,00-max 3.000.000,00. Contributo: in tutte le zone 50%;
  • ASSOCIAZIONI DI AGRICOLTORI con tipo di progetto collettivo interaziendale con interventi di filiera corta ed investimento min. 100.000,00 – max 4.000.000,00. Contributo: in tutte le zone 50%.

MODALITA' E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DDS E DELLA DOCUMENTAZIONE

I soggetti che intendono partecipare al presente Avviso, sono pregati di manifestarlo esclusivamente via mail al nostro indirizzo dello studio di consulenza di FinanziamentiPuglia: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I termini di operatività del portale SIAN sono fissati alla data del 01/08/2016 (termine iniziale) e alle ore 12,00 del giorno 31/10/2016 (termine finale).

Con successivo provvedimento dell’AdG Puglia 2014-2020 saranno stabiliti:

  • i termini, iniziale e finale, di operatività del portale regionale per la compilazione on-line e l’invio telematico del Piano Aziendale; le modalità di accesso al precitato portale;
  • ulteriore documentazione, tra cui quella necessaria a dimostrare la sostenibilità finanziaria dell’investimento, da presentare a seguito della pubblicazione della graduatoria e dell’ammissione della DdS all’istruttoria tecnico-amministrativa;
  • ulteriori specificazioni ritenute necessarie.

La DdS, rilasciata nel portale SIAN e debitamente firmata in ogni sua parte ai sensi dell’art. 38 del D.P.R. 445/2000, deve pervenire alla Regione Puglia entro e non oltre le ore 12,00 del 10/11/2016 e deve essere corredata obbligatoriamente della seguente documentazione.


SEI ALLA RICERCA DI AGEVOLAZIONI/CONTRIBUTI PER LA TUA ATTIVITA' E NON SAI COSA FARE PER OTTENERLI?

SIAMO NOI LA SITUAZIONE! RIVOLGITI ALLO STUDIO DI CONSULENZA FINANZIAMENTIPUGLIA:

clicca qui sotto

http://www.finanziamenti.puglia.it/finanziamenti/contattaci

 

Finanziamenti Puglia - Consulenza GRATUITA - Bandi - Finanza Ordinaria - Finanza Agevolata - Reti d'Impresa - Formazione Aziendale - Mob. +39 3409701477
Webmaster: FlavioDIpi&Sperti
Privacy Policy