Nel presente BLOG, sono pubblicate con AGGIORNAMENTO GIORNALIERO le domande/informazioni/osservazioni pervenute via mail da parte dei clienti/utenti del sito FianziamentiPuglia in merito alle loro esigenze di creare una nuova impresa, avviare nuovi investiment, ampliare l'impresa esistente, investimenti in internalizzazione, creazione di reti di impresa. Ad ogni domanda sarà fornita SEMPRE una o più risposte. In casi specifici, nei quali è utile richiedere una risposta formale all'ente gestore de bando,  l'ing. Mingolla si farà carico di inviare una FAQ e pubblicare la risposta nel BLOG.All0interno di ogni FAQ avete la possibilità di lasciare uno o più commenti.


  Manifesta le tue esigenze e sarai contattato dalla nostra Area Sviluppo


 

ll Brand FinanziamentiPuglia raggruppa diversi professionisti con esperienza specialistica nel campo della FINANZA AGEVOLATAmettendo a disposizione del cliente, in una della cinque sedi ubicate nel territorio della Regione Puglia, le approfondite conoscenze per supportarlo nella creazione d'impresa o nello sviluppo del proprio business.Per conoscere chi siamo clicca il link accanto (CHI SIAMO) 

Per qualsiasi chiarimento scrivi una mail all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

 

Vi ricordate quando abbiamo scritto dell'intervento Estrazione dei Talenti previsto dalla Regione Puglia e gestito attraverso ARTI – Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione?

Ve lo diciamo brevemente di seguito: l'ARTI PUGLIA attraverso questo intervento (estrazione talenti) finanzia percorsi personalizzati di accompagnamento e accelerazione rivolti a Team di Aspiranti Imprenditori Innovativi nell’ambito delle aree prioritarie di innovazione indicate dalla Strategia regionale per la Ricerca e l’Innovazione.

Vi ricordate l'inventivo Voucher Innovation Manager?

Buone notizie in merito...

Il Ministro dello Sviluppo economico ha firmato il decreto che aumenta la dotazione finanziaria di circa 46 milioni di euro per i voucher per consulenza in innovazione a favore di micro, PMI e reti di imprese. 
Il provvedimento è stato adottato per assegnare le risorse alle 1.784 domande di agevolazione di imprese che non era stato possibile finanziare lo scorso 20 dicembre, quando era stato pubblicato l’elenco delle richieste ammesse.

Le prime 1.831 domande hanno potuto infatti usufruire dei 50 milioni di euro messi a disposizione inizialmente. A seguito del grande apprezzamento della misura da parte delle imprese, sono state presentate 3.615 richieste che hanno determinato un ammontare complessivo di finanziamenti necessari pari a circa 95 milioni di euro, superiori alla dotazione finanziaria inizialmente disponibile per l’intervento.

L’obiettivo dei voucher per consulenza in innovazione è quello di sostenere i processi di trasformazione tecnologica, digitale e gestionale delle micro, piccole e medie imprese e delle reti d’impresa attive su tutto il territorio nazionale.

Per chiarimenti siamo disponibili via mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


fonte: sito internet Cerved Know - https://know.cerved.com/tool-educational/riforma-crisi-dimpresa-cosa-cambia/

codice crisi di impresaIl testo del Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 14 febbraio 2019 e ha l’obiettivo di riformare in modo organico la disciplina delle procedure concorsuali.

Molte le cose che cambiano per l'imprenditore. Vediamole insieme.

1- Obiettivi della riforma

Con il decreto “Crisi d’impresa”, l’istituzione della procedura di allerta con l’OCRI - Organismo di Composizione della Crisi - e la conseguente creazione del nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza, l’Italia si adegua alle norme di altri paesi europei, che cercano di mettere a punto strumenti per anticipare l’emersione della crisi e limitare l’aggravarsi di crisi aziendali.

Uno tra gli scopi della riforma è infatti quello di EVITARE che il ritardo nel percepire i SEGNALI DI CRISI di un’impresa possa poi portare ad uno stato di crisi irreversibile. Il Codice ha l’obiettivo di riformare in modo organico la disciplina delle procedure concorsuali, con due principali finalità:

  • consentire una diagnosi precoce dello stato di difficoltà delle imprese;
  • salvaguardare la capacità imprenditoriale di coloro che vanno incontro a un fallimento di impresa.

La riforma prevede le seguenti modifiche alla legge fallimentare:

  • si sostituisce il termine fallimento con l’espressione “liquidazione giudiziale” analogamente a quanto avviene in altri Paesi europei, come la Francia o la Spagna, al fine di evitare l’onta sociale e personale che si accompagna alla parola “fallito”;
  • si introduce un sistema di allerta allo scopo di consentire la pronta emersione della crisi, nella prospettiva del risanamento dell’impresa e si dà priorità alla continuità aziendale favorendo proposte che comportino il superamento della crisi;
  • si privilegiano, tra gli strumenti di gestione delle crisi e dell’insolvenza, procedure alternative a quelle dell’esecuzione giudiziale;
  • si semplificano le disposizioni in materia concorsuale;
  • si prevede la riduzione dei tempi e dei costi delle procedure concorsuali;
  • si istituisce presso il Ministero della Giustizia un albo dei soggetti destinati a svolgere su incarico del tribunale funzioni di gestione o di controllo nell’ambito di procedure concorsuali, con l’indicazione dei requisiti di professionalità esperienza e indipendenza necessari all’iscrizione;
  • si armonizzano le procedure di gestione della crisi e dell’insolvenza del datore di lavoro con forme di tutela dei dipendenti.

 

Sei un'impresa operativa nel settore del trasporto conto terzi, logistica o distribuzione?

Ti informiamo che anche quest’anno è a disposizione delle aziende del settore Trasporto, Logistica e Spedizione la possibilità di partecipare al CATALOGO FORMATIVO 2020 di Consorzio Global, finanziato dal MIT (Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti) con Decreto del 22 Luglio 2019 apparso in GU N° 277 del 26/11/2019 “Incentivi a favore della formazione professionale nel settore dell'Autotrasporto Decreto Ministeriale D.M.337 del 22 Luglio 2019”.

Facendo parte della rete di associate a Consorzio GLOBAL, tale opportunità formativa è per la tua azienda gratuita e priva di ogni incombenza di tipo burocratico. Penseremo noi a gestire gli aspetti amministrativi e finanziari legati al contributo: nessun onere aggiuntivo per la tua Azienda, che potrà beneficiare di tutti i corsi di cui ha necessità.

Chi può partecipare: dipendenti, titolari, soci e amministratori di imprese del territorio nazionale iscritte all’Albo degli Autotrasportatori di cose in conto terzi, che applicano ai propri lavoratori il CCNL Trasporto, Logistica e Spedizione.

A cosa partecipare: un ampio catalogo formativo, con tematiche di interesse e attualità per il settore, svolte da un team di docenti e consulenti esperti tecnici di settore con comprovata esperienza didattica Come partecipare Definiti i corsi in base ai fabbisogni della vostra organizzazione, dovrete soltanto seguire le procedure di iscrizione e di produzione del materiale documentale necessario. Penseremo a tutto noi… e ti guideremo passo per passo nella realizzazione dei percorsi.

Quando partecipare: tempi di realizzazione dei corsi: 18 Marzo 2020 – 31 Luglio 2020

PER MAGGIORI DETTAGLI CONTATTA ING. MINGOLLA ANDREA REFERENTE TERRITORIALE CONSORZIOGLOBAL AL NUMERO 340/9701477

I corsi hanno tutti durata di 8 ore cadauni: CRONOTACHIGRAFO (LIVELLO BASE O AVANZATO), SISTEMAZIONE DEL CARICO, ECO&SAFE, PER LA GUIDA ECOLOGICA E SICURA, IL BENESSERE PSICOFISICO DELL’AUTISTA, BUONE PRASSI DEL COMPORTAMENTO IN PORTO, TECNOLOGIE DEL TRASPORTO, EVOLUZIONE NORMATIVA DI SETTORE, CONTROLLO DI GESTIONE, GNL, ELETTRICO ED ALIMENTAZIONI ALTERNATIVE MONDO TRUCK


 

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato cinque Bandi per la valorizzazione di brevetti, marchi, disegni e per il trasferimento tecnologico delle attività di ricerca e sviluppo. Le risorse finanziarie disponibili sono circa 50 milioni di euro.

Le micro, piccole e medie imprese potranno presentare la richiesta di accesso agli incentivi per l’acquisto di servizi, fino all’esaurimento delle risorse, a partire:

  • dal 30 gennaio 2020 per le domande relative al bando Brevetti+, a cui sono destinati 21,8 milioni di euro, gestiti da Invitalia;
  • dal 27 febbraio 2020 per le domande relative al bando Disegni+, a cui sono destinati 13 milioni di euro, gestiti da Unioncamere;
  • dal 30 marzo 2020 per le domande relative al bando Marchi+, a cui sono destinati 3,5 milioni di euro, gestiti da Unioncamere.

Le Università e gli enti pubblici di ricerca potranno, invece, presentare richiesta di accesso agli incentivi per finanziare progetti a partire:

  • dal 16 dicembre 2019 al 14 febbraio 2020 per progetti di potenziamento degli Uffici di trasferimento tecnologico (UTT), a cui sono destinati 7 milioni di euro, gestiti direttamente dalla Direzione Generale dell’UIBM del MiSE;
  • dal 13 gennaio 2020 al 27 febbraio 2020 per progetti Proof of Concept (PoC) destinati alla valorizzazione dei brevetti, a cui sono destinati 5,3 milioni di euro, gestiti da Invitalia.

Per maggiori informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Finalmente il settore delle industrie culturali e dello spettacolo ricevono la giusta attenzione attraverso contributi concessi  con la misura RADICI e ALI per interventi riguardanti la valorizzazione e la riqualificazione, la realizzazione, il miglioramento e l'adeguamento funzionale delle sale cinematografiche, dei teatri, dei luoghi da destinare allo spettacolo dal vivo, dei luoghi d'arte, delle sale da concerto, delle cineteche, dei laboratori , delle arts factory, dei teatri di posa, dei centri per la promozione e la diffusione della cultura dal punto di vista storico, artistico, figurativo, visivo, letterario, demo-etnoantropologico.

Il fine/obiettivo dell'avviso RADICI e ALI è basato su diverse azioni come di seguito meglio specificate. Si consiglia il lettore di analizzae con attenzione quanto indicato di seguito.

  • rafforzare la filiera dell'audiovisivo e la presenza di presidi socio-culturali, soprattutto in ambiti che ne siano sprovvisti;
  • migliorare la sostenibilità socio-culturale, economica e gestionale , sulla base di consolidate best practices, anche in favore della strutturazione di reti di residenze artistiche;
  • accrescere l'attrattività territoriale e la fruibilità;
  • stimolare lo sviluppo di una cultura d'impresa in un'ottica di crescita socioeconomica dei territori di riferimento e di incremento dell'occupazione nel settore, favorendo la definizione di nuovi modelli di economia e di gestione del patrimonio culturale - materiale e immateriale - attraverso il ricorso alle migliori competenze specialistiche;
  • produrre e promuovere itinerari turistico-culturali, anche tematici, finalizzati alla conoscenza del patrimonio e del territorio;
  • sviluppare servizi di coinvolgimento attivo del pubblico (audience engagement) e di formazione di nuovo pubblico (audience development), favorendo la diffusione di nuovi servizi e pratiche culturali sul territorio, anche in termini di accessibilità e di definizione di eventuali target specifici;
  • favorire l'integrazione e la contaminazione tra ambiti, espressioni e linguaggi diversi della cultura, del patrimonio materiale e immateriale, dello spettacolo, delle arti e del turismo.

Per approfondire puoi cliccare su questo link: http://www.finanziamenti.puglia.it/finanziamenti/bandi-regione-puglia/radici-e-ali


 

temporary export managerDa oggi, con la pubblicazione delle circolari attuative, si ampliano gli strumenti a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese italiane previsti dal Decreto Crescita.

Le società di capitali in forma singola o rete d’impresa, potranno accedere a finanziamenti a tassi agevolati per l’inserimento temporaneo in azienda di un Temporary Export Manager (TEM) e per lo sviluppo di piattaforme E-commerce attraverso un market place o un proprio sito web, in entrambi i casi per progetti da realizzare in Paesi extra-UE. Per l’inserimento temporaneo in azienda di un TEM, il finanziamento dovrà essere compreso fra 25.000 € e 150.000 € e i progetti dovranno essere finalizzati all’erogazione di servizi volti a facilitare i processi di internazionalizzazione d’impresa. Per lo sviluppo di soluzioni di e-commerce, è previsto invece un finanziamento da 25.000 € a 300.000 € e i progetti dovranno riguardare beni o servizi prodotti in Italia o con marchio italiano. In entrambi i casi il finanziamento potrà coprire il 100% delle spese, a un tasso d’interesse pari al 10% del tasso di riferimento europeo (attualmente pari a 0,089%), con durata massima di 4 anni.

Per maggiori dettagli: http://www.finanziamenti.puglia.it/finanziamenti/bandi-nazionali-attivi/finanziamenti-agevolati-per-internazionalizzazione-pmi


 

Finanziamenti Puglia - Consulenza GRATUITA - Bandi - Finanza Ordinaria - Finanza Agevolata - Reti d'Impresa - Formazione Aziendale - Mob. +39 3409701477
Webmaster: FlavioDIpi&Sperti
Privacy Policy Cookie Policy