Nel presente BLOG, sono pubblicate con AGGIORNAMENTO GIORNALIERO le domande/informazioni/osservazioni pervenute via mail da parte dei clienti/utenti del sito FianziamentiPuglia in merito alle loro esigenze di creare una nuova impresa, avviare nuovi investiment, ampliare l'impresa esistente, investimenti in internalizzazione, creazione di reti di impresa. Ad ogni domanda sarà fornita SEMPRE una o più risposte. In casi specifici, nei quali è utile richiedere una risposta formale all'ente gestore de bando,  l'ing. Mingolla si farà carico di inviare una FAQ e pubblicare la risposta nel BLOG.All0interno di ogni FAQ avete la possibilità di lasciare uno o più commenti.


  Manifesta le tue esigenze e sarai contattato dalla nostra Area Sviluppo



ll Brand FinanziamentiPuglia raggruppa diversi professionisti con esperienza specialistica nel campo della FINANZA AGEVOLATAmettendo a disposizione del cliente, in una della cinque sedi ubicate nel territorio della Regione Puglia, le approfondite conoscenze per supportarlo nella creazione d'impresa o nello sviluppo del proprio business.Per conoscere chi siamo clicca il link accanto (CHI SIAMO) 

Per qualsiasi chiarimento scrivi una mail all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

 

Domanda: molti sono gli imprenditori che si rivolgono al gruppo di FinanziamentiPuglia per chiedere se è opportuno utilizzare questi strumenti. Abbiamo quindi deciso di elencare, in breve, quali sono le opportunità offerte da questi strumenti e vi consigliamo di leggere con attenzione quanto contenuto in questo post!!!

Risposta: I crediti d'imposta MAGGIORMENTE CONVENIENTI ed utilizzati già per alcune nostre imprese clienti sono i seguenti: 1. Credito d'imposta Ricerca e Sviluppo  -   2. Credito d'imposta Investimenti nel Mezzogiorno.

Questo post contiene informazioni sul 1° punto. I riferimenti, in caso di richiesta consulenza, sono: ing. Andrea Mingolla e dr. Glauco Giannini Credito d'imposta Ricerca e Sviluppo.

A cosa serve? Incentivare la SPESA delle IMPRESE in attività di Ricerca e Sviluppo per INNOVARE PROCESSI E PRODOTTI e garantire la COMPETITIVITA'. 

Quali vantaggi? Credito d’imposta del 50% su spese incrementali in Ricerca e Sviluppo, riconosciuto fino a un massimo annuale di 20 milioni di €/anno per beneficiario. Il credito d’imposta può essere utilizzato, anche in caso di perdite, a copertura di un ampio insieme di imposte e contributi. Sono agevolabili tutte le spese relative a ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale. Molte sono le imprese che non conoscendo il funzionamento di questo strumento si trovano a PERDERE la possibilità di portare a CREDITO D'IMPOSTA alcuni dei costi sostenuti per il personale altamente qualificato e tecnico adoperati in attività aziendali che potrebbero rientrare nelle attività di sviluppo e ricerca.

Ad esempio sono agevolabili anche i contratti di ricerca con università, enti di ricerca, imprese, start up e PMI innovative, quote di ammortamento di strumenti e attrezzature di laboratorio, competenze tecniche e privative industriali. La misura è applicabile per le spese in Ricerca e Sviluppo che saranno sostenute nel periodo 2017-2020. Il beneficio è cumulabile con: Superammortamento e Iperammortamento, Nuova Sabatini, Patent Box. Incentivi alla patrimonializzazione delle imprese (ACE), Incentivi agli investimenti in Start up e PMI innovative, Fondo Centrale di Garanzia. 

A chi si rivolge? Tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa (imprese, enti non commerciali, consorzi e reti d’impresa), indipendentemente dalla natura giuridica, dalla dimensione aziendale e dal settore economico in cui operano Imprese italiane o imprese residenti all’estero con stabile organizzazione sul territorio italiano.

SE INTERESSATI all'utilizzo di questo strumento potete inviare una mail ad: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Domanda: esistono in puglia elenchi nei quali iscrivere il proprio Co-Working.

Risposta: Ciao Matteo. Dalla domanda capisco che avrai letto sul web qualche informazione in merito all'avviso pubblicato dalla Regione Puglia sui co-working. L'Avviso nasce con l'obiettivo di acquisire la manifestazioni di interesse per la costituzione di un Elenco di Fornitori di spazi di Co-Working. Intenzioni della Regione? La Regione intende promuovere l’utilizzo dello strumento del co-working all’interno della realtà economica pugliese, attraverso la costituzione di un ELENCO FORNITORI DI SPAZI DI CO-WORKING che favorisca l’accesso a spazi e servizi dedicati messi a disposizione da soggetti che a vario titolo operano nel mercato del lavoro. Obiettivo dello strumenta: Offrire maggiori opportunità ai lavoratori/lavoratrici che intendano intraprendere percorsi di autoimprenditorialità.


 

Domanda: posso chiedervi maggiori dettagli sulle opportunità offerte a chi costituisce una start-up innovativa in puglia?

Risposta: Salve dr. Simone. Sulle start-up innovative ci sarebbe molto da dire! Cercheremo in breve di fornire le opportune informazioni a renderla più consapevole delle caratteristiche che offre questo strumento.

Una start-up innovativa è una SOCIETA' di CAPITALI (con almeno una sede operativa in Italia) che può essere costituita anche in forma di società cooperativa, che DEVE avere come oggetto sociale la produzione, lo sviluppo, la commercializzazione di servizi o prodotti innovativi ad alto valore tecnologico. Non è limitata dunque a un solo settore ma è aperta a tutto il mondo
produttivo, dalle tecnologie delle telecomunicazioni e dell’informazione alla manifattura, dai servizi all’artigianato.

Questo tipo di startup è nata con la legge 221/2012 con il Decreto Crescita 2.0. Attraverso la sua introduzione gli scopi/obiettivi che si vogliono raggiungere sono i seguenti: favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l'occupazione, in particolare quella giovanile. 

Quando si parla di start-up innovative puglia i benefici ad essa correlati sono tanti e importanti. Di seguito un breve elenco: si può costituire a costi zero (senza costi notarili), facilitazioni per il ripianamento delle perdite in bilancio, agevolazioni per l'acceso al credito bancario con maggiori facilitazioni grazie alla garanzia opportunamente organizzata per questa forma di società, raccogliere capitali utilizzando un canale diverso da quello bancario come l'equity crowdfunding, "vendendo" le proprie quote sociali per conseguire un obiettivo specifico di progetto aziendale, esoneri o diritti camerali e bolli registro imprese, disciplina del lavoro tagliata su misura, incentivi fiscali per chi investe in start-up innovative fino al 30%, finanziamenti a fondo eprduto ed agevolati a disposizione si sole start-up innovative (Smart & Start Invitali, TecnoNidi Regione Puglia), la startup può "remunerare" le consulenze svolte da professionisti attraverso stock option offrendo quote sociali, procedure ad hoc messe a disposizione dalla ICE (Camera di Commercio Governativa) per facilitare la Startup innovativa ad introdursi nei mercati internazionali, non distribuiscono utili, etc...

Per potersi costituire il ministero dello sviluppo economico ha messo a disposizione una procedura per redigere l’atto costitutivo e lo statuto mediante una piattaforma online dedicata. La compilazione si serve di un modello tipizzato, che assicura rapidità e certezza del diritto, ma personalizzabile, sottoscritto con firma digitale in modo da garantire l’identità dei contraenti. Questa procedura comporta il taglio dell'intermediazione dei costi notarili che si sarebbero dovuti sostenere per la sua costituzione. 

Per essere costituita e classificata al registro imprese come Startup Innovativa o PMI Innovativa bisogna dimostrare di rispondere ad uno di questi tre criteri: 1) aver conseguito o saranno conseguito nell'anno di bilancio dopo la costituzione, almeno il 15% del fattura o dei costi deve essere investito in Ricerca & Sviluppo; 2) forza lavoro costituita almeno per 1/3 tra dottorandi, dottori di ricerca, o ricercatori, ppure 2/3 da soci e collaboratori  laurea magistrale; 3) brevetto registrato/privativa industriale oppure un software SIAE...   

Come si evince da questa breve descrizione, essere una start-up innovativa comporta ONERI e non pochi ONORI! 

Per altre informazioni può contattarci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

Domanda: quale altra misura ci sarebbe per agevolare spese di investimento in ristrutturaizone, ammodernamento, efficientamento nergetico di albergo?

Risposta: ci sarebbe il TAX CREDIT RIQUALIFICAZIONE 2018 (MIBACT) ed il titolo VI (fondo efficientamento energetico Regione Puglia).

Il Ministero dei Beni culturali ha pubblicato le istruzioni per richiedere il credito di imposta a sostegno delle imprese turistiche. Obiettivo? Sostenere gli investimenti delle strutture alberghiere, degli agriturismi e degli stabilimenti termali per:

  • interventi di ristrutturazione edilizia;
  • interventi di eliminazione delle barriere architettoniche;
  • interventi di incremento dell'efficienza energetica;
  • spese per l'acquisto di mobili e componenti d'arredo destinati esclusivamente alle strutture oggetto degli interventi.

A quanto ammonta? il credito di imposta copre il 65% delle spese ammissibili. Per altre info di approfondimento non esiti a contattarci alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

Domanda: salve sono un ragazzo di anni 20 diplomato in informatica, disoccupato da 1 anno e con uno stage con garanzia giovani di 480 ore già conseguito in un negozio di riparazione e vendita smartphone. Attualmente sono disoccupato da 4 mesi e la mia intenzione è quella di avviare un'attività di commercio smartphone in un locale da 45 mq in Puglia, con annessa riparazione. L'ammontare delle spese di investimento è circa 18.000 euro. Vorrei sapere se sono previste agevolazioni per l'apertura di nuove attività nel settore commercio. Grazie.

Risposta: salve stefano. Attualmente l'unica misura più adatta alle sue esigenze di investimento e al suo percorso formativo è il Selfiemployment di Garanzia Giovani. Sperando che lei abbia conseguito la misura 7.1 - accompagnamento all'autoimprenditorialità, grazie alla quale ottenere un maggior punteggio in fase di valutazione, le possiamo comunicare (in teoria) che si potrebbe presentare la domanda di agevolazione e chiedere 18.000 euro di finanziamento agevolato da rimborsare entro 7 anni a copertura delle spese di investimento e di gestione. Di fondamentale importanza per il disoccupato è quello di dimostrare che c'è "collegamento"btra l'esperienza formativa e/o lavorativa conseguita e l'attività da avviare, altrimenti, per assurdo le agevolazioni sarebbero concesse a tutti i disoccupati (per diritto) e non per potenzialità di successo. Per approfondire la sede più vicina è quella di foggia sud. Ci contatti e le sarà affidato un TUTOR. Grazie a lei.


Domanda: sono un piccolo imprenditore che produce mobili. Vorrei sapere se acquistando macchinari ed attrezzature per un importo di 200.000 euro al netto di iva, potrebbero usufruire di agevolazioni di qualsiasi ammontare e tipologia. Grazie

Risposta: Buongiorno sig. Romeo. La risposta è affermativa e le comunichiamo che a sua disposizione ci sono diversi strumenti di finanza agevolata che possono erogare contributi sulle spese di acquisto da lei menzionate. Il primo strumento è il Titolo II Capo 3 della Regione Puglia grazie al quale, successivamente all'erogazione di finanziamento bancario, possiamo richiedere ed ottenere le agevolazioni (fondo perduto) che si attestano intorno al 33%-35% macchine, attrezzature, hardware e software. Il secondo strumento è il Credito d'Imposta Agenzia delle Entrate consiste in un'agevolazione fiscale del 45% max da utilizzare a decurtazione delle spese sostenute col modello F24. Inoltre, col credito d'imposta possono beneficiare dell'agevolazione fiscale le imprese (di quasi tutti i settori economici) che acquistano i beni (macchine ed attrezzature) mediante il leasing strumentale. Le ricordo che nel blog potrà trovare una FAQ (tra le precedenti) nella quale ci soffermiamo sulla cumulabilità del titolo II capo 3 con altri strumenti come super ed iper ammortamento. Ci contatti al più presto, così un nostro TUTOR la potrà supportare in questa fase decisionale di investimento e  di accesso alle agevolazioni.

www.finanziamenti.puglia.it/finanziamenti/contattaci


 

Domanda: Gentili Consulenti di FinanziamentiPuglia, rappresentiamo un'impresa di medie dimensioni (volume d'affari 2016 circa 27 milioni) attiva nel settore metalmeccanico (lavorazioni meccaniche) con sedi operative in Milano, Torino e Napoli. Abbiamo tutta l'intenzione di investire in Puglia realizzando una nuova sede operativa con un progetto stimanto di circa 7 milioni di euro. Consultando il CHI SIAMO sul vostro sito si evince che siete professionisti in grado di fornire le adeguate risposte alle nostre esigenze e per questo vi chiediamo se la Regione Puglia ha previsto strumenti di finanza agevolata a sostegno di investimenti promossi da una media impresa come la nostra. Ringraziandovi dell'attenzione, vi chiediamo di metterci in contatto con un vostro tecnico specializzato.

Risposta: Ringraziandola per l'attenzione nei nostri confronti le rispondiamo che la Regione Puglia mette a disposizione delle Medie imprese operative nel settore manifatturiero, il cosidetto PIA MEDIE IMPRESE (link: http://www.finanziamenti.puglia.it/finanziamenti/bandi-regione-puglia/pia-medie-imprese).

 E' uno strumento particolarmente interessante per la tipologia di spese agevolabili. L'impresa dovrà presentare un progetto integrato di agevolazione di importo da 1 a 40 milioni di euro. Vista la complessità dello strumento e sopratutto, visto l'importanza dell'investimento, le comunichiamo che abbiamo preso nota dei suoi riferimenti ed entro le 24 ore sarà contattato dallo specialista di zona.


Finanziamenti Puglia - Consulenza GRATUITA - Bandi - Finanza Ordinaria - Finanza Agevolata - Reti d'Impresa - Formazione Aziendale - Mob. +39 3409701477
Webmaster: FlavioDIpi&Sperti
Privacy Policy Cookie Policy